Home / Finanziamenti / Finanziamenti senza busta paga più utilizzati

Finanziamenti senza busta paga più utilizzati

Tra i finanziamenti senza busta paga più utilizzati ci sono due valide alternative.

  1. La prima è rappresentata dal prestito con garante.
  2. La seconda è rappresentata dal prestito con cambiali.

Finanziamenti senza busta paga più utilizzati

Il prestito con garante prevede che il richiedente sia accompagnato, al momento della richiesta, da un garante. Si tratta di una terza persona che metterà a disposizione della banca le proprie garanzie reddituali.

Il prestito con cambiali invece, come ricorda Cambialipres sul suo sito web, prevede l’utilizzo di un titolo esecutivo, appunto la cambiale.

Il debitore in questo finanziamento firma le cambiali e si impegna a rimborsare tutti gli importi dovuti pagando ciascuna cambiale. Ogni titolo esecutivo dovrà essere rimborsato prima che si raggiunga la data di scadenza scrittavi sopra.

Sia che il finanziamento venga assegnato tramite un garante e sia che venga attribuito mediante l’uso delle cambiali, i debitori potranno essere cattivi pagatori o protestati.

Questo accade perché nel primo caso, quello del garante, vi è una seconda persona che garantirà oltre al debitore principale.

Nel secondo caso invece, il creditore potrà richiedere di pignorare i beni del debitore in caso di situazioni sgradevoli, cioè in caso di insolvenza di una o più cambiali.

Un’ulteriore prestito molto richiesto ma con la busta paga è rappresentato dalla cessione del quinto. Questo finanziamento però è destinato solo ai lavoratori con busta paga ed ai pensionati con una pensione superiore a quella sociale. Il pensionato che percepisce meno di 500€ mensili non potrà richiederlo. Il lavoratore dipendente con un contratto di lavoro a tempo determinato potrà richiederlo solo se il rimborso si completerà prima della scadenza del contratto lavorativo.

Altra soluzione, ma poco utilizzata, è il prestito vitalizio. Si tratta di un finanziamento dove il richiedente dovrà essere proprietario di un immobile e generalmente, avere almeno 65 anni. Si accenderà un’ipoteca sulla casa e non ci si dovrà preoccupare di pagare le rate. Alla scadenza del contratto, la casa diventerà di proprietà della banca a meno che qualcuno degli eredi del debitore non provveda a saldare quanto dovuto all’istituto di credito.

Anche il prestito vitalizio, così come il finanziamento con garante ed il prestito con cambiali, può essere richiesto sia dai cattivi pagatori che dai protestati.

Quali sono le nostre opinioni? Se potete optare per la cessione del quinto non esitate a chiederla. Tutte le altre opzioni sono da valutare solo se non si è in grado di richiedere una cessione del quinto dello stipendio o della pensione.